FIGLIE DELL’EPOCA

FIGLIE DELL’EPOCA

Roberta Biagiarelli 18,00 

"La pace non è solo l'assenza di guerra, ma il dispiegamento di quei processi vitali che conducono allo sviluppo collettivo". (Jane Addams, 1899) "L'esclusione delle donne dai grandi problemi dell'umanità è un principio del tutto guerresco e violento. Le donne sono destinate a trasformare, nei loro fratelli uomini, il principio della forza nel principio della ragione. Si può raggiungere questo scopo, con il lavoro dell'intelligenza sostenuto dall'amore". (Paolina Schiff, 1915) "Noi non siamo che le messaggere di una sfida che spinge all'azione i governi neutrali che abbiamo visitato. A nostra volta siamo le testimoni di un crescente desiderio di vasti strati di popolazione nei Paesi neutrali di mutare il chiuso disinteresse in buona volontà attiva". (Manifesto delle delegate del Congresso presso i Governi, 1915)

Categoria: Narrativa - Saggistica - Storia Collane: Proposte Tag: Congresso - Donne - Epoche - Figlie - Governo - Storia
L'originale spettacolo di Roberta Biagiarelli ha il merito di raccontare, intrecciandola a tanti altri frammenti di memorie personali e collettive, l'incredibile storia del Congresso Internazionale delle Donne svoltosi a L'Aja dal 28 aprile al 1° maggio 1915. Che la storia di vita lo sanno tutti, ma quanti hanno davvero la voglia di capire, l'ambizione di conoscere e, sopratutto, la pazienza di imparare? 1136 donne illuminate che, in un momento tragico come la primavera del 1915, mentre l'Europa sprofonda nell'abisso di una guerra totale, ebbero l'idea di riunirsi per confrontarsi e per provare a cambiare le cose. Arrivarono da dodici paesi diversi e parlarono di diritti e di risoluzione pacifica dei conflitti. Ma le 1136 delegate erano lì innanzitutto perché sentivano il bisogno di testimoniare - per dirla con le parole di Aletta Jacobs, presidente delle suffragette olandesi e ideatrice del Congresso a L'Aja, - "la differenza delle donne sulla scena politica internazionale". E' un monologo a cerchi concentrici: c'è il Novecento che si apre e si chiude a Sarajevo, c'è il racconto biografico di Rosa Genoni, icona della moda italiana di inizio Novecento in grado di unire uno spiccato senso estetico ad un forte impegno etico e politico, unica rappresentante delle donne italiane al Congresso. C'è Jane Addams, guida carismatica della delegazione americana e simbolo del femminismo mondiale e c'è Roberta Biagiarelli che intreccia nel racconto la propria storia: vent'anni di incessante impegno per mantenere viva la memoria del genocio di Srebrenica in Bosnia-Erzegovina. Uno spettacolo di genere e di pace, per far emergere un protagonismo al femminile di cento anni fa e vedere che cosa resta oggi. Ci sono tanti post-it colorati perché le cose da ricordare sono tante e perché la memoria non è mai abbastanza.
Roberta Biagiarelli

Roberta Biagiarelli è attrice, autrice teatrale, documentarista e organizzatrice di progetti a carattere storico-culturale. Fonda nel 2002 l'associazione culturale Babelia&C.- progetti culturali per dedicarsi con maggior slancio alla produzione, ricerca ed interpretazione di temi sociali, storici e politici. E' autrice ed interprete dei monologhi: Srebrenica, Reportage Chernobyl, Falluja (Trilogia dei Luoghi Scomparsi) e Resistenti, leva militare '926. Produce ed interpreta i documentari Souvenir Srebrenica (2006), La neve di giugno (2007), la Transumanza della Pace (2012). La specificità dei temi trattati nei suoi lavori teatrali e il suo radicamento al presente la porta ad aprirsi a collaborazioni  con ambiti riguardanti la…

Vai All'autore

Ultime uscite

Racconti di alberi, isole e cani Ludovico Del Vecchio 20,00 
La nostra notte deve ancora cominciare Gabriele Bassanetti 20,00 
Passo dopo passo. Concorso letterario di poesia in memoria di Don Carlo Lamecchi Amici di Don Carlo 12,00 
Le piastrelle da piccole. 1889-1939: i primi cinquant’anni del Distretto Amici di Don Carlo 20,00 
A spasso con Nello. Guida narrata di Reggio Emilia Massimo Montanari e Gigi Cavalli Cocchi 30,00 
Angelo Paganelli. Un “Roccheggiante” all’oratorio a cura degli amici dell'Oratorio Don Bosco di Sassuolo 20,00 

Non disponibile

A scena aperta. Passato presente e futuro del Teatro Carani Fabrizio Ceccardi 22,00 
L’intruso Daniele Francesconi 18,00 
QB VOL 10. Piazza Grande Daniele Francesconi 38,00 
Sul filo dell’equilibrista Claudio Gavioli 20,00