Le pratiche del niente

Le pratiche del niente

Giovanni Fantasia 14,00 

Incipit “Segolino, stammi dietro, io mi affaccio alla finestra”. Gli scuri sono aperti di una spanna, il che li permette a Màcino di metterci la testa. Ele bisbiglia: “Che cosa si vede?” “Grigio”, fa Màcino, “grigio e conigli impiccati!”. La schiena tutt’ossa di Ele si gela. “Coglione, faccio finta”. dice Màcino, “c’e grigio, grigio e...

Categoria: Narrativa Collane: Proposte

Incipit

"Segolino, stammi dietro, io mi affaccio alla finestra". Gli scuri sono aperti di una spanna, il che li permette a Màcino di metterci la testa. Ele bisbiglia: "Che cosa si vede?" "Grigio", fa Màcino, "grigio e conigli impiccati!". La schiena tutt'ossa di Ele si gela. "Coglione, faccio finta". dice Màcino, "c'e grigio, grigio e basta".

Quarta di copertina

Cieli bidimensionali e gocciolanti. Giorni netti come ghigliottine. Lungo due diversi spazi temporali, l'infanzia di Màcino ed Ele, "sette anni mingherlini", fra piani criminali escogitati sul sagrato della Chiesa e scorci famigliari carichi di silenzio e solitudine. Ventidue anni dopo il successo di Angelo, ricco e lezioso, e le difficoltà insormontabili di Gabriele, disoccupato. Intorno a loro Marina, Bastiano e rantoli del nonno, Elsa ed Emilio, l'amico Ombo e le Winston al Caffè Castrotenuto con l'albanese Kastriot, "messaggero di episodi così assurdi che per forza sono veri". Infine Ju, la cinesina dell'ipermercato, l'oggetto dei desideri più impuri. Figure che sopravvivono nei fotogrammi di una città monocromatica, codificata da metafore liquide, geometriche, sopratutto carnali, che vivisezionano la feroce banalità delle azioni quotidiane. Una narrazione musicale che esplora i temi dell'incomunicabilità, della vita come messinscena, dell'incapacità di diventare qualcuno in famiglia e tantomeno al lavoro, tra passioni torbide e aspirazioni sbiadite dal tempo. Qualcosa tuttavia pare salvarsi. E salvare. È lo sguardo "neutro, laterale", di Gabriele, insensibile alle promesse del piacere consumistico, la cui insofferenza verso le brutture necessariamente allude al bello. Che si attende con inerzia mentre "i giorni, storia a storia, se ne vanno".
Anno : 2014
ISBN : 9788889080986
Pagine : 158
Giovanni Fantasia

Giovanni Fantasia ha pubblicato la raccolta di poesie Introduzione alla città (2007), il racconto illustrato Spedibile Cafè Hadid (Schiaffo Edizioni, 2008) e il romanzo Santi, negri e scarafaggi (Quarup Editrice, 2009). A partire dal 2011 esplora il paesaggio e le sue mutazioni attraverso la fotografia (www.giovannifantasia.it). Le pratiche del niente è il secondo romanzo.

Vai All'autore

Ultime uscite

Vita di Gisella Vasini. La poetessa bagnina di Bellaria Igea Marina Maurizio Matrone 18,00 
Racconti di alberi, isole e cani Ludovico Del Vecchio 20,00 
La nostra notte deve ancora cominciare Gabriele Bassanetti 20,00 
Passo dopo passo. Concorso letterario di poesia in memoria di Don Carlo Lamecchi Amici di Don Carlo 12,00 
Le piastrelle da piccole. 1889-1939: i primi cinquant’anni del Distretto Amici di Don Carlo 20,00 
A spasso con Nello. Guida narrata di Reggio Emilia Massimo Montanari e Gigi Cavalli Cocchi 30,00 
Angelo Paganelli. Un “Roccheggiante” all’oratorio a cura degli amici dell'Oratorio Don Bosco di Sassuolo 20,00 

Non disponibile

A scena aperta. Passato presente e futuro del Teatro Carani Fabrizio Ceccardi 22,00 
L’intruso Daniele Francesconi 18,00 
QB VOL 10. Piazza Grande Daniele Francesconi 38,00