In un vortice di polvere

In un vortice di polvere

Annalisa Vandelli 15,00 

Quarta di copertina La fotoreporter ha racchiuso nei suoi scatti scorci di dodici Paesi: Etiopia, Nicaragua, Tunisia, Guatemala, Pakistan, Kenya, Egitto, Albania, El Salvador, Giordania, Libano, Mozambico. Vi sono anche due luoghi non ancora riconosciuti come Stati indipendenti: Saharawi e Palestina. Per Lucas e Agliani il merito dell’autrice è di aver trovato “una delicatezza che...

Categoria: Fotografia Collane: Varie

Quarta di copertina

La fotoreporter ha racchiuso nei suoi scatti scorci di dodici Paesi: Etiopia, Nicaragua, Tunisia, Guatemala, Pakistan, Kenya, Egitto, Albania, El Salvador, Giordania, Libano, Mozambico. Vi sono anche due luoghi non ancora riconosciuti come Stati indipendenti: Saharawi e Palestina. Per Lucas e Agliani il merito dell'autrice è di aver trovato "una delicatezza che si scopre negli sguardi che ti vengono restituiti dalle persone ritratte". La fotografia della professionista per loro "abbandona il mito dell'obiettività per entrare nella vita dei protagonisti delle immagini". Un giudizio positivo è stato espresso da Andreas Neufert. "Le fotografie sono al tempo stesso "immagini di strada" e singolari composizioni poetiche - ha spiegato lo storico dell'arte - combinano fugaci racconti di viaggio con quella particolare stasi della forza iconografica atemporale, ci colpiscono, ci riguardano. Attraverso il confronto con un sistema di valori diverso dal nostro si caricano di un esotismo del tutto nuovo".

Recensione

"..Ha visitato posti tanto diversi tra loro, parlato con la gente, ascoltato storie. Ha cercato di coglierne il senso in scatti che ne decifrano l'essenza attraverso il suo 'vedere'. "Il Nicaragua è il paese che ho amato di più - dice Vandelli - Sui muri c'è scritto 'viva la poesia'. E' un paese di una rivoluzione persa. Da un punto di vista ideale è un paese fortissimo". Mentre "non dimenticherò mai il Natale di qualche anno fa a Rawalpindi, in Pakistan: l'ho trascorso con i cristiani in carcere. Mi ha portato lì il fratello medico di Shahbaz Bhatti, il ministro pachistano per le Minoranze religiose ucciso a mitragliate - racconta la fotografa. Oggi Paul Bhatti ha ereditato la battaglia ideale del fratello ed era attesissimo dai cristiani che a piedi scalzi nella chiesetta del carcere hanno sparso petali di rosa. In questa assoluta povertà c'era una ricchezza che raramente ho trovato in Occidente..."
Anno : 2017
ISBN : 9788899667115
Pagine : 171
Annalisa Vandelli

"Lavoro il più possibile nei Paesi cosiddetti in via di sviluppo, anche se, quella via, facciamo tutti un po' fatica a trovarla. Ho un cane etiopico, un gatto formiginese e una speranza: che si possa usare la luce, oltre che per fotografare, anche per scrivere; così tento da svariati anni…"

Vai All'autore

Stesso autore

Eppure soffia – Viaggio nella Sassuolo solidale Annalisa Vandelli, Luigi Ottani 40,00 

Ultime uscite

A spasso con Nello. Guida narrata di Reggio Emilia Massimo Montanari e Gigi Cavalli Cocchi 30,00 
Angelo Paganelli. Un “Roccheggiante” all’oratorio a cura degli amici dell'Oratorio Don Bosco di Sassuolo 20,00 

Non disponibile

A scena aperta. Passato presente e futuro del Teatro Carani Fabrizio Ceccardi 22,00 
L’intruso Daniele Francesconi 18,00 
QB VOL 10. Piazza Grande Daniele Francesconi 38,00 
Sul filo dell’equilibrista Claudio Gavioli 20,00 
Non dargli un nome Elena Bellei 18,00 
FERRARI. LA REALIZZAZIONE DI UN SOGNO. Progetti incredibili e aneddoti indimenticabili. Fosco De Silvestri, Leo Turrini 22,00 

Non disponibile

Chiedi chi era Roberto Serio Fosco De Silvestri, Leo Turrini 18,00 
PREFERISCO DIRE SÌ. COME AL VENTO LE COROLLE Antonella Kubler 10,00