il cielo di oggi

il cielo di oggi

Roberto Alperoli 14,00 

Incipit A volte accade che la poesia arrivi soltanto alla fine, quando tutto è perduto e ogni cosa è compiuta. E certo Roberto Alperoli ha poca, forse nessuna vera speranza di trovare finalmente un “solitario armistizio/ con la vita”. Quanto a sé stesso, almeno. Chissà, forse la sua passione politica si potrebbe anche comprendere a...

Categoria: Poesia Collane: Poesia

Incipit

A volte accade che la poesia arrivi soltanto alla fine, quando tutto è perduto e ogni cosa è compiuta. E certo Roberto Alperoli ha poca, forse nessuna vera speranza di trovare finalmente un "solitario armistizio/ con la vita". Quanto a sé stesso, almeno. Chissà, forse la sua passione politica si potrebbe anche comprendere a partire da qui, dal riferimento a un orizzonte che vive comunque oltre il giro chiuso della propria vicenda privata. Non il suo verso, però - questo verso così intimo, fermo, quasi silenzioso, che non ambisce a smuovere o a tentare alcunché. Cerca invece un poco di luce, una tregua piccola piccola, un raccoglimento-rischiaramento a raggio cortissimo, di lucciola, ma tuttavia decisivo, come quello di chi debba ogni volta uscire da un'acqua buia per ritrovarsi, anche se solo e sfiancato, sulla riva di un fiume (la vita) che porta via da sé stessi. (Roberto Galaverni)

Quarta di copertina

Le parole di Roberto Alperoli sono immagini che ci attraversano: i suoi cieli, i suoi campi desolati o in fiore, le sue case col padre sempre sullo sfondo, o in primo piano, imponente, prima grande e poi divenuto piccino, quasi figlio, e il correre delle nuvole, in cui cercare traccia della madre amata e perduta. Tutto è immagine, tutto in lui è pittura, cinema, ma anche tutto è avvolta dalla musica. Ci accompagnano le parole poetiche nel labirinto della sua psiche, ma non ci si perde: si segue con trepidazione la strada, perché la nostalgia non ci strappi lontano. Ma no, basta seguirlo con lui il cammino; c'é il filo forte, a volte impercettibile ma a suo modo implacabile, con cui avvolge il polso di noi che seguiamo. Non si può smettere per un attimo la lettura, è il fare della vita che si fa strada, il "fare anima" che dolcemente e duramente è la trama della poesia. Poiesis, cioè fare. parole precise che dicono di sentimenti, trattenuti a volte, eppure luminosi nel buio.
Anno : 2014
ISBN : 9788896855812
Pagine : 92
Roberto Alperoli

E' nato a fabbrico (RE) nel 1955. Ideatore e organizzatore del "PoesiaFestival" delle Terre dei Castelli, è autore di tre libri di poesia: La vita accanto (2003), Le minime eternità (2008) e, insieme a Alberto Bertoni e Emilio Rentocchini, Recordare (2011), tutti pubblicati da Incontri Editrice.

Vai All'autore

Stesso autore

Come cani alla catena Alberto Bertoni, Emilio Rentocchini, Roberto Alperoli 15,00 
Recordare Alberto Bertoni, Emilio Rentocchini, Roberto Alperoli 14,00 

Non disponibile

Le minime eternità Roberto Alperoli 14,00 
La vita accanto Roberto Alperoli 14,00 

Ultime uscite

A spasso con Nello. Guida narrata di Reggio Emilia Massimo Montanari e Gigi Cavalli Cocchi 30,00 
Angelo Paganelli. Un “Roccheggiante” all’oratorio a cura degli amici dell'Oratorio Don Bosco di Sassuolo 20,00 

Non disponibile

A scena aperta. Passato presente e futuro del Teatro Carani Fabrizio Ceccardi 22,00 
L’intruso Daniele Francesconi 18,00 
QB VOL 10. Piazza Grande Daniele Francesconi 38,00 
Sul filo dell’equilibrista Claudio Gavioli 20,00 
Non dargli un nome Elena Bellei 18,00 
FERRARI. LA REALIZZAZIONE DI UN SOGNO. Progetti incredibili e aneddoti indimenticabili. Fosco De Silvestri, Leo Turrini 22,00 

Non disponibile

Chiedi chi era Roberto Serio Fosco De Silvestri, Leo Turrini 18,00 
PREFERISCO DIRE SÌ. COME AL VENTO LE COROLLE Antonella Kubler 10,00