Chiedi chi era Roberto Serio

Chiedi chi era Roberto Serio

18,00 

“Questo libro nasce da un rimpianto. Il rimpianto di non poter tornare indietro ed entrare più nel profondo in quell’immensa realtà celata dietro all’apparente precipitosità, effervescenza, provocazione e ricchezza d’animo che ha caratterizzato Roberto Serio. Il rimpianto di non averla forse colta e vissuta nel suo presente”. Così Carolina e Cecilia Sanlej, nipoti di Roberto...

“Questo libro nasce da un rimpianto. Il rimpianto di non poter tornare indietro ed entrare più nel profondo in quell’immensa realtà celata dietro all’apparente precipitosità, effervescenza, provocazione e ricchezza d’animo che ha caratterizzato Roberto Serio. Il rimpianto di non averla forse colta e vissuta nel suo presente”. Così Carolina e Cecilia Sanlej, nipoti di Roberto Serio e curatrici insieme a Roberto Alperoli di questo omaggio corale, spiegano la genesi del libro. “Non sempre far parte di una famiglia significa conoscersi, o meglio non sempre significa conoscerne anche l’estensione, la misura, il vissuto e l’evoluzione. Nostro zio era spesso fuori casa, probabilmente sotto i portici del centro, tutto trafelato con una sigaretta accesa e affaccendato in qualche telefonata. Forse tutte quelle volte era in ritardo e sarebbe dovuto tornare a casa prima. Tutte quelle volte noi eravamo altrove, distanti dalla sua vita pubblica che tanto ha amato e prediletto. Negli ultimi suoi mesi di vita è successo qualcosa di diverso. La frenesia, la fretta, l’impazienza, il suo spirito provocatorio sono spariti; sebbene fossero diminuite molto le sue forze, nostro zio è stato capace di trasmetterci una dimensione di sé meno conosciuta. Una misura di sé intangibile, più dolce, delicata, sensibile, ma così estremamente potente e viscerale che ci ha avvolte della sua profonda essenza. Avendo assistito a questa sua ‘purificazione’ ci ha permesso di avvicinarci ancora di più a lui. La sua scomparsa ci ha accese di consapevolezza e gratitudine, e creato il bisogno di raccogliere tracce del suo percorso terreno. Questo bisogno lo abbiamo trasformato in un libro. Sentivamo la necessità di ricostruire la sua vita e di farcela raccontare da chi ha intimamente o pubblicamente vissuto un frammento di questa. Crediamo che in questo modo potremo sentirlo parlare ancora una volta, rivederlo in quelle sfumature a noi sconosciute e immaginarcelo sorridere. Convinte che, comunque, avrebbe qualcosa da ridire, com’era nella sua natura. Roberto Serio ha scritto durante gran parte della sua vita perché di professione faceva il giornalista. Ora, a scrivere, sono state le persone che ha incontrato e alle quali ha lasciato un segno, leggero, ironico, doloroso, indelebile. Questi racconti lo manterranno vivo nel tempo".
Anno : 2023
ISBN : 9788899667696
Pagine : 232

Ultime uscite

Racconti di alberi, isole e cani Ludovico Del Vecchio 20,00 
La nostra notte deve ancora cominciare Gabriele Bassanetti 20,00 
Passo dopo passo. Concorso letterario di poesia in memoria di Don Carlo Lamecchi Amici di Don Carlo 12,00 
Le piastrelle da piccole. 1889-1939: i primi cinquant’anni del Distretto Amici di Don Carlo 20,00 
A spasso con Nello. Guida narrata di Reggio Emilia Massimo Montanari e Gigi Cavalli Cocchi 30,00 
Angelo Paganelli. Un “Roccheggiante” all’oratorio a cura degli amici dell'Oratorio Don Bosco di Sassuolo 20,00 

Non disponibile

A scena aperta. Passato presente e futuro del Teatro Carani Fabrizio Ceccardi 22,00 
L’intruso Daniele Francesconi 18,00 
QB VOL 10. Piazza Grande Daniele Francesconi 38,00 
Sul filo dell’equilibrista Claudio Gavioli 20,00